• it
  • en
Le grandi cose iniziano sempre da dentro siamo nati per rinascere.

La moda, il digitale, la proprietà intellettuale

“La moda non esiste solo negli abiti ma ha a che fare con le idee!”

Fino a ieri i creativi imponevano linee di abbigliamento, accessori e colori. Oggi invece con l’avvento di internet dei social network le leve della creatività sono passate nelle mani dei clienti finali che lanciano stili, tendenze e vezzi. Infatti nei grandi brand e all’interno delle piccole imprese la nuova parola d’ordine è chiarissima : cavalcare il web. Il mondo del tessile-abbigliamento-accessori-moda ora deve fare i conti con la centralità del cliente. Con l’utilizzo delle tecnologie digitali è possibile conoscere , anche nei dettagli, i gusti dei potenziali acquirenti. Le vendite su internet sono un indicatore importante, l’online influenza oltre un terzo delle vendite nel settore. Quindi per le imprese oggi è importante tenere monitorati i comportamenti di quanti ricercano informazioni sul web per poi procedere all’acquisto in negozio oppure coloro che si informano in negozio per poi comprare online. Premesso quanto sopra, il vicedirettore di Smi (Sistema moda Italia) sostiene che il passaggio chiave per le aziende italiane è quello di dotarsi di una strategia digitale, che concretamente si traduce nell’innovare i processi ed i rapporti con l’intera filiera, andando ad esplorare fino in fondo i comportamenti del consumatore. Le resistenze culturali più che di portafoglio, a volte  sono dure a morire o a cambiare .  Occorre un salto di qualità che prevede l’ alta moda legata all’alta tecnologia. Partiamo dal concetto di base che il fenomeno “moda” ha a che fare con la costruzione di un’identità, attraverso l’utilizzo di marche, dove ogni marca innanzitutto è un’idea. L’occhio con il quale il consumatore guarda, valuta un capo, si differenzia a seconda del marchio apposto sul capo stesso, perché ovviamente cambia il taglio, cambia il tessuto utilizzato,cambia  la confezione e cambia il prezzo. Il prodotto di marca riflette su chi lo indossa una certa immagine, di cui la marca stessa è portatrice. Ai nostri giorni i canoni del gusto, del costume, del design e della moda hanno subito l’influenza ed il fascino della nuova visione del mondo digitale. In questo nuovo mondo digitale rientrano tre settori specifici , la Ricerca e creatività (concepts, trends), la Progettazione e produzione (dal filato dei tessuti al capo finito), l’Immagine e la comunicazione (pubblicità, promotion, eventi). Talvolta lo studio di tendenze e di nuovi concept per la moda implica non solo lo stare a guardare immagini prodotte  in altre aree della creatività, ma anche la stessa produzione di immagini sperimentali aventi uno scopo ispirativo, evocativo che si ottengono attraverso il digitale che nell’ultimo periodo ha infatti compiuto un notevole passo avanti anche attraverso la cosiddetta stampa digitale.  In tutto questo ampio mondo della moda rientra e trova un suo spazio ed un ruolo importante la proprietà intellettuale sotto l’aspetto della tutela del design, del diritto d’Autore, del valore del marchio. Gli scopi della proprietà intellettuale sono differenti, ma quello principale in questo ambito è il combattere la contraffazione massiccia presente sul mercato e dare un’identità  chiara e tutelata all’inventore dell’idea.