• it
  • en
Le grandi cose iniziano sempre da dentro siamo nati per rinascere.

In Europa il 30% dei giovani compra falsi e la metà non sa se il sito è legale

In Europa cresce la quantità di giovani nella fascia d’età tra i 15 ed i 24 anni che acquistano smartphone, maglie, scarpe  contraffatti e scaricano illegalmente video, film e musica. Questo accade perché il tutto costa meno oppure addirittura non costa nulla. La questione grave però consiste nel fatto di non essere in grado di distinguere se si sta scaricando legalmente o no e se il sito dal quale si acquista è legale oppure no. Chiaramente tutto ciò avviene con il rischio di vedere ingannata la proprie buona fede. Euipo (Agenzia UE per la tutela dei marchi e della Proprietà Intellettuale) ha pubblicato una ricerca eseguita con il tema “I cittadini europei e la Proprietà Intellettuale”, effettuata attraverso un campione di oltre 26.000 interviste tra i cittadini europei a partire dall’età dei 15 anni. Anche in un periodo di crisi economica, come l’attuale, il 97% degli intervistati concorda sul fatto che i creatori, gli inventori, gli artisti debbano poter proteggere i propri diritti e percepire un compenso per le loro opere. In aggiunta 7 europei su 10 pensano che nulla può giustificare l’acquisto di prodotti contraffatti, mentre il 78% pensa che comprare prodotti falsi comprometta il commercio e l’occupazione. Gli europei sembrano essere consapevoli dei gravi danni che il mercato dei falsi provoca ai posti di lavoro e all’economia. Resta il fatto che i giovani tra i 15 ed i 24 anni  sono meno consapevoli degli effetti dannosi dei falsi , dando maggiore importanza invece al prezzo e all’immediata disponibilità dell’oggetto o del servizio. In questo panorama cresce sempre di più la confusione su che cosa sia una fonte legale, in quanto gran parte degli intervistati hanno riferito di essere stati depistati al momento dell’acquisto dei prodotti. Questi risultati confermano la necessità delle iniziative già realizzate quali il portale europeo dei contenuti online, la pubblicazione delle domande frequenti sul diritto d’autore, il dare un valore tangibile alla proprietà industriale.  Complessivamente i cittadini europei sono consapevoli, ma si deve assolutamente migliorare la situazione globale.