• it
  • en
Le grandi cose iniziano sempre da dentro siamo nati per rinascere.

“Una Pmi su 4 ha subito violazioni in Europa per marchi e brevetti”

Una PMI su quattro tra quelle che detengono brevetti, disegni industriali e marchi, in Europa, dichiara di avere subito delle violazioni di proprietà intellettuale. Tra queste il 27% si trova in Italia. Trattasi di attività di contraffazione e specificamente di falsificazioni di marchi, brevetti, spionaggio industriale e vendite di imitazioni online. Il danno che questo tipo di attività creano non è solo per i consumatori  finali  ma lo è anche per l’economia dell’Unione Europea, soprattutto per le piccole e medie imprese. Le imprese che detengono marchi o brevetti sono sempre le più competitive e registrano un fatturato per dipendente superiore del 68% rispetto a quelle imprese che non li hanno. La contraffazione è un problema che colpisce molto l’Italia, considerando che nonostante il Covid, l’Italia è collocata in Europa in decima posizione per domande di brevetti ed in quarta posizione per domande di marchi. Secondo l’Euipo (Ufficio dell’Unione Europea per la proprietà intellettuale) quasi un europeo su 10 ha affermato di aver acquistato involontariamente prodotti contraffatti a causa di indicazioni false. Secondo un’indagine fatta risulta che i cittadini maggiormente vittime di contraffazione sono quelli in Bulgaria (19%) in Romania (16%) in Ungheria (15%), mentre la Svezia (2%) e la Danimarca (3%) hanno le percentuali più basse in assoluto all’interno dell’Unione Europea. I prodotti contraffatti rappresentano il 6,8% delle importazioni dell’Unione Europea, con un valore globale pari a 121 miliardi di Euro. Tale fenomeno interessa vari settori quali il farmaceutico, il cosmetico, l’elettronica, le bevande , l’abbigliamento. La pandemia ha sicuramente accentuato questi reati contro la proprietà intellettuale, che rimane sempre un fattore irrinunciabile per la vita e la crescita delle aziende e svolge un ruolo primario nel potenziare gli elementi competitivi  legati alla qualità e all’innovazione, accrescendo la capacità di scambio economico, commerciale e finanziario delle aziende stesse.