• it
  • en
Le grandi cose iniziano sempre da dentro siamo nati per rinascere.

Italia, ancora trend positivo nelle richieste di brevetti all’Epo!

Da quanto risulta dal rapporto dell’European Patent Office di Monaco le richieste di brevetti nel 2017 in Italia , rispetto al 2016, sono aumentate del 4,3% . Con questo dato l’Italia si è piazzata al decimo posto tra i paesi più attivi nelle richieste presentate all’Ufficio di Monaco. I settori più attivi con il più alto numero di domande, sono stati la movimentazione, ossia i sistemi di trasporto che includono anche i container, i trasporti e la tecnologia medicale. La crescita più accentuata tra tutti i settori tecnologici italiani è quella proveniente dai cosiddetti sistemi di misurazione , seguita dalle macchine tessili e della carta e dal farmaceutico. La Lombardia resta sempre la prima nella classifica delle regioni italiane con più richieste di brevetti, seguita dall’Emilia Romagna e dal Veneto. Queste tre regioni insieme rappresentano più del 60% di tutte le domande italiane di brevetti presentate all’Epo. L’Ufficio brevetti di Monaco afferma che nel complesso nell’anno 2017 c’è stato un incremento di domande del 3,9% rispetto all’anno precedente e ciò rappresenta un nuovo record. Facendo anche un’analisi a livello mondiale l’elevato numero di richieste provenienti dalla Cina ha di fatto incluso anche il gigante asiatico nelle top five dei paesi  più attivi (USA, Germania, Giappone, Francia). Il 2017 è stato un anno positivo per l’Europa, il Vecchio Continente rimane un mercato tecnologico di interesse primario. I paesi dove sono aumentate le domande di brevetto sono sicuramente l’Olanda, il Regno Unito e la Germania. La tecnologia medicale rimane il settore con il più grande numero di domande, seguita dalla comunicazione digitale e dalla tecnologia informatica. Al di là dei numeri e dei settori è significativo il fatto che l’aumento della domanda di brevetti rispecchia la volontà delle aziende di innovarsi e crescere attraverso la ricerca e lo sviluppo. Un fatto tangibile si è avuto anche nell’anno corrente in Italia, a seguito della strage ferroviaria di Pioltello che ha sollevato nuovi e pesanti interrogativi sullo stato delle infrastrutture ferroviarie italiane. Si è posto l’accento sull’innovazione con i treni a levitazione magnetica, che potrebbero risolvere numerosi problemi. Tre ingegneri italiani hanno depositato il loro brevetto che consiste nel trasformare le ruote dei vagoni in pattini a levitazione magnetica, continuando ad utilizzare i km di ferrovie già installate nel mondo, con risparmi però in termini di manutenzione delle rotaie, derivanti dall’abbattimento degli attriti e del consumo di energia.