• it
  • en
Le grandi cose iniziano sempre da dentro siamo nati per rinascere.

“Il Pandoro Melegatti”

Il Pandoro, simbolo della tradizione natalizia, nell’ottobre di quest’anno ha festeggiato i suoi 125 anni di vita. Il 14 ottobre 1984 il pasticciere Domenico Melegatti di Verona , brevettò la ricetta del suo dolce, il nome e la forma distintiva del prodotto. La sua originalità e la sua creatività trovarono conferma nel documento che allora si chiamava Certificato di Privativa Industriale  del Ministero di Agricoltura, Industria e Commercio nell’allora Regno d’Italia. Da quel momento fu chiaro a tutti il successo che avrebbe avuto il dolce. Il Pandoro si ispira ad una tradizione veronese legata al Natale. La notte della Vigilia le donne si riunivano nelle corti delle cucine per fare insieme il “levà” che era un impasto di farina, latte e lieviti. Il Sig. Melegatti trasforma questo “levà” arricchendolo di uova e burro ed eliminando ciò che invece ritiene non adatto alla lievitazione. Il Dolce fu imitato da tantissimi pasticcieri e per questo Domenico Melegatti lanciò la “sfida delle 1000 lire”. I pasticcieri che sarebbero riusciti a produrre un dolce simile al Pandoro, divulgando la vera ricetta del Pandoro, avrebbero vinto come premio una somma di Lire 1.000. Nessun pasticciere si presentò. Il Sig. Melegatti fu acuto e perspicace nel comprendere l’importanza di tutelare il suo nuovo dolce, in un’era in cui la proprietà intellettuale non era per niente conosciuta .