• it
  • en
Le grandi cose iniziano sempre da dentro siamo nati per rinascere.

Il Brevetto remunera gli innovatori

Tutor, brevetto copiato! Il sistema in grado di rilevare anche la velocità media dei veicoli era stato brevettato già nell’anno 1999 da una piccola impresa toscana , la Craft. Il brevetto riguardava  telecamere in grado di riconoscere le targhe  ed elaboratori in grado di documentare il passaggio di un veicolo in un certo istante ed in un certo punto, per poi ripetere la rilevazione in un altro punto a distanza di chilometri, calcolando la velocità media. Questo sistema è identico a quello del Tutor, con la differenza che al posto delle telecamere ci sono spire induttive immerse nell’asfalto o rilevatori radar, il tutto abbinato ad apparecchi fotografici che leggono le targhe. Autostrade per l’Italia (Aspi) deve rimuovere e distruggere tutti i Tutor esistenti sulla rete autostradale perché costituiscono violazione di brevetto ; questo è quanto stabilito dalla Corte d’appello di Roma al termine di una causa iniziata nel lontano 2006.  In ogni caso, il Tutor non sarà spento perché Autostrade per l’Italia (Aspi) ha dichiarato che si farà carico della sanzione prevista, per mantenere attivo il sistema attuale sino alla sostituzione integrale degli apparati con un ulteriore sistema di rilevazione. Aspi sosteneva che Tutor  fosse un sistema nuovo, ma la Corte d’appello ha affermato che manca l’elemento novità che invece deve caratterizzare un’invenzione, affinché possa generare un brevetto. E’ evidente il potenziale strategico di questo titolo legale, in quanto è fondamentale per bloccare la concorrenza ossia le invenzioni dei concorrenti , generando dei benefici economici per l’inventore stesso.